Orgoglio ipoacusico: sono sordo e sono ‘cool’. Anche le protesi acustiche fanno tendenza.

Tutti i sordi e ipoacusici sanno che scegliere un apparecchio acustico non è semplice. E’ un apparecchio tecnologico talmente personale che anche a parit’a di audiogramma due individui potrebbero trovare beneficio da due apparecchi anche molto diversi per il tipo di risposta sonora fornita. Infatti non è solo una questione di decibel e di deficit ma anche di sensazioni e non c’è sistema digitale che possa misurarle in maniera inequivocabile.
Tuttavia se anche si potrebbero spendere molte parole e discorsi su come scegliere un apparecchio acustico, per il momento lasciamo agli audioprotesisti l’arduo compito di guidare gli ipoacusici nell’acquisto, e concentriamoci su un solo aspetto che potrebbe influenzare la scelta di un apparecchio.
Sulla scia di un articolo precedentemente pubblicato su Noisyvision, portiamo di nuovo l’attenzione sull’imbarazzo legato all’uso delle protesi acustiche, per vedere quanto si è fatto negli ultimi anni per dare a questi oggetti tecnologici un appeal che possa ricollocarli nell’immaginario collettivo. Anche gli apparecchi acustici seguono il processo degli occhiali, protesi visive ormai trasferite nell’ambito dei trend della moda.
Intanto gli americani gli hanno gli hanno già trovato un nome, un acronimo, PCA - Personal Communication Aids, mentre gli svizzeri della Phonak forse si sono ispirati alla fantasia dello Swatch di casa per implementare la tavolozza dei colori di un prodotto che è sempre stato color pelle.

Questi modelli Phonak appartengono alla gamma Audèo, che ha ricevuto diversi premi per il design. La Phonak Spice Generation comprende addirittura scocche con motivi che richiamano le pelli degli animali

Designaffairs STUDIO si è spinto ben oltre ma al momento l’idea di un piercing tecnologico è ancora un concept in fase di sviluppo.

Meno eccentrico ma altrettanto ‘cool’ il Dual di Oticon, dalla forma innovativa, e con oltre 50 combinazioni di colori

Siemens non poteva essere da meno e si è presentata sul mercato con prodotti di stile come il Life

e il Siemens Explorer, per i bambini, personalizzabili con la possibilità di scegliere tra motlissimi colori e figurine divertenti

Guardando questo video sono quasi contento di essere sordo

Fin qui tutto reale, o quanto meno realistico, ma in alcuni casi la fantasia o l’estro individuale si sono spinti ben oltre, come si può notare dalla galleria che vedete qui sotto.

Tube Twists in verde/blu di Hayleigh
Helping Hard of Hearing and Deaf Children & Adults Be Proud of Their Hearing Aids!
www.hayleighscherishedcharms.com
Apparecchi (o cuffie?) a  vapore di Nicrosin
L’apprecchio più scintillante del mondo
Ricoperto d’oro e incastonato di diamanti, ha un valore di 50.000 dollari è un modo un po’ pazzo che ha scelto la Widex per far parlare di sè nella aggressiva campagna per gli apparecchi più attraenti per i baby boomers.
L’artista californiana Julie Schustack  ha creato l’apparechio acustico, con una tangente assurdo che l’artista ha seguito per creare i coni argilla ispirata da un’invenzione di Thomas Edison.

 

Share
This entry was posted in Tecnologia. Bookmark the permalink.

One Response to Orgoglio ipoacusico: sono sordo e sono ‘cool’. Anche le protesi acustiche fanno tendenza.

  1. Nancy Kate says:

    Chose my Phonaks to match my MacBook Pro: silver.
    Wanted the leopard, yet only for kids sizes.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>